080 394.44.48
Clicca per Chiamarci

Alitosi: un problema sociale sottovalutato

Notizia del

Stando ad alcune recenti indagini, parrebbe che un italiano su quattro soffra di alitosi e che, in sei casi su dieci, la causa scatenante sia da ricercare in problemi a denti o gengive. Questa è senza dubbio una delle patologie meglio conosciute dai dentisti italiani ma paradossalmente è quasi del tutto ignota ai cittadini, che spesso non associano l’alito cattivo a problemi di salute orale. Secondo il professor Silvio Abati, l’alitosi è un problema conosciuto da epoche piuttosto remote ma, nonostante ciò, ancora oggi molti suoi aspetti sono pochi conosciuti.

La rilevanza sanitaria e socioeconomica del problema è tutt’altro che sottovalutabile, per via della sua notevole diffusione, dell’ampio uso di esami e cure specialistiche e del considerevole consumo di collutori, spazzolini, dentifrici ecc…) Non è nemmeno trascurabile l’aspetto legato alle implicazioni psicologiche, individuali e sociali, derivanti dalla sgradevolezza dell’odore prodotto: spesso, infatti, lo stesso è causa di preoccupazione nei momenti della vita di relazione.

Sempre secondo Abati, medici, odontoiatri e igienisti dentali dovrebbero affrontare il problema contando fondamentalmente su quattro azioni:

1) Un giusto approccio empatico,

2) Un’accurata diagnosi;

3) La terapia delle possibili cause orali;

4) Il counselling informato che comprenda non solo il contrasto ai fattori locali causali specifici ma anche l’adeguata considerazione di patologie orali concausali (xerostomia, tabagismo ecc…).